architetti romani

Studio Crachi

 

 Moschea di Misurata 

Misurata, Libia

2013

Architettura per il Culto

realizzato


immagini >

 

 

 Villa sul Lago Balaton 

Ungheria, Lago Balaton

2013

Edilizia privata

realizzato


immagini >

 

 

 Auditorium di Venezia 

Venezia

2013

Architettura per la Cultura

non realizzato


immagini >

 

 

 Museo della Libia, già Palazzo Reale (parte 1) 

Tripoli, Libia

2009

Restauro di edifici storici e monumentali

non realizzato


immagini >

 

 

 Museo della Libia, già Palazzo Reale (parte 2) 

Tripoli, Libia

2009

Restauro di edifici storici e monumentali

realizzato


immagini >

 

 

 Fondazione Manzù 

Ardea, Italia

2009

Architettura per la Cultura

realizzato


immagini >

 

 

 Ampliamento Museo Napoleonico 

Roma

2007

Restauro di edifici storici e monumentali

realizzato


immagini >

 

 

 Restauro e recupero funzionale del TEATRO DI VILLA 

Villa Torlonia, ROMA

2003

Restauro di edifici storici e monumentali

non realizzato


immagini >

 

 

   
Lo studio Crachi nasce nel 1995 e svolge attività di progettazione, di direzione dei lavori e di consulenza nei seguenti campi: progettazione e allestimento museale, restauro e recupero edilizio, progettazione e arredamento degli interni, progettazione ambientale, progettazione degli spazi aperti e disegno industriale. Ha realizzato lavori significativi in Italia (Pinacoteca del Campidoglio, Teatro Torlonia, ampliamento del Museo Napoleonico, Museo della Fondazione Manzù e suo giardino tematico, Museo del Vino ad Alcamo) e all'estero (Museo della Libia a Tripoli, illuminazione della Moschea di Misurata, restauro della moschea di Tripoli, ville a Budapest e Saint-Tropetz). Svolge attività di ricerca nell'Industrial design e sull'ecocompatibilità dei materiali e dei prodotti.
L'attività progettuale è imperniata sulla durata estetica e funzionale del prodotto finito andando oltre i principi e gli stilemi delle mode. L'ampia conoscenza dei materiali tradizionali e di quelli innovativi spinge l'attività di progettazione a coniugare passato e presente, tradizione e innovazione attraverso iter progettuali in continuo mutamento. Le diverse esperienze maturate all'estero e il confronto con le nuove culture, nonchè la continua attività di ricerca, hanno contribuito a formare l'attività espressiva dello studio, sempre sensibile ad affrontare nuovi e inesplorati ambiti delle conoscenze.